Connect with us

Storie - Histories

Napa Valley: Los Carneros, Mount Veeder, Spring Mountain e Diamond Mountain District

Giovanni Curcio

Published

on

La Napa Valley è una striscia di terra lunga 50 km e larga 8 km, che ricorda un po’ la Côte d’Or francese. L’unica vera differenza rispetto a molte famose regioni europee è la varietà di suoli, temperature e altitudini. Dalla fredda capanna a sud di San Pablo, alla caldissima Calistoga a nord; dalle colline di 75 m, alle vette di 800 m (coltivate ovviamente), il dislivello è grande.

San Pablo Bay

Napa e tutta la California hanno visto una grande proliferazione di AVA (American Viticultural Area) negli ultimi anni. Il loro modo di concepire le denominazioni di origine è simile al modello europeo, con una certa libertà sull’importanza di poter citare in etichetta il vitigno. Questo è il risultato della conquista ispanica nel sud, l’immigrazione di tedeschi e italiani (che hanno portato un certo savoir-faire alla viticoltura), poi all’immigrazione francese che ha portato anche degli eccellenti viticoltori ed enologi, per non parlare del magnate ungherese Haraszthy.

Cominciamo con Los Carneros, una AVA (dal 1983) che presenta enormi differenze all’interno della denominazione stessa. Nella baia di San Pablo troviamo Chardonnay e Pinot Nero, principalmente frizzanti, grazie al suo clima fresco. Merlot e Syrah più a valle. Pinot Noir nella regione di Domaine Carneros, Domaine Madonna, Mahoney e Bouchaine.

Passiamo a Mount Veeder, AVA dal 1990, non lontano da Sonoma. È un’area molto complessa che parte dalle montagne Mayacamas con altezze di 800 metri e terreni vulcanici fino alla città di Napa. Offre luoghi freschi e caldi dove crescono anche gli ulivi. Sono anche la terra di Mayacams Estate, Hess collecton Winery e Mount Veedere Estate.

La terza denominazione è a nord della contea di Sonoma, nel distretto di Spring Mountain. Troviamo di nuovo dei terreni vulcanici, con vitigni molto dolci e piacevoli come cabernet sauvignon, syrah e merlot. Lo stile è molto simile al nostro, più precisamente al sud dell’Europa. In queste terre troviamo importanti aziende come Cain (uno dei creatori di Meritage), Barnett, Spring Mountains, Newton, Stony Hill e Togny.

Concludiamo questa prima tappa con Diamond Mountain District, AVA dal 2001. Si tratta di 200 acri di vigneti, caratterizzati da un clima caldo dove si trovano proprietà molto piccole e poco conosciute come Diamond Mountain Ranch e Sterling.

Giovanni Curcio

Sommelier au restaurant Lucas Carton à Paris. Ses passions: le vin, la viticulture, les voyages dans les vignobles et la gèographie des vignes; ...ah oui, les cèpages!

1 Comment

1 Comment

  1. Pingback: Stags Leap e Atlas Peak – Giovanni Curcio

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici – Suivez nous

Tag

CATEGORIE/catégories