Connect with us

Storie - Histories

Té in India: l’Inghilterra riesce a produrre té nelle regioni di Darjeeling, Assam e Nilgiri.

Michele Crippa

Published

on

CC A girl with tea

La storia del tè in India è molto recente e non tradizionale o culturale. Le loro strade si incrociano per ragioni semplicemente economiche.

L’Inghilterra aveva bisogno di tè a un prezzo inferiore rispetto alla Cina. Quindi la soluzione era produrlo all’interno delle loro colonie, con l’aiuto del botanico “spia” Robert Fortune, il trucco è stato giocato. Oggi l’India è il più grande produttore di tè al mondo, ed è specializzato nella produzione di tè in foglie nere, ma soprattutto CTC. Quest’ultimo è stato inventato dagli inglesi negli anni ’30, per poter trasformare anche foglie di bassa qualità. Il risultato sono foglie sminuzzate, un formato che si presta molto bene al tè venduto in bustine.

CC A girl with tea

Il tè è oggi la bevanda più popolare in India, preparata alla moda inglese o più spesso infusa nel latte con spezie e zucchero, Chai. Solo il 20% della produzione viene esportato, questo rappresenta il tè Darjeeling e i migliori raccolti in Assam; due delle tre regioni indiane più famose: Darjeeling, Assam e Nilgiri.

CC A girl with tea

Darjeeling (ai piedi dell’Himalaya) è la regione qualitativamente più interessante. Ha quasi 90 giardini e tutti sono di ottima qualità. Il suo successo è tale che il mercato della contraffazione è tre volte più grande del tè effettivamente prodotto.

La regione dell’Assam (al confine con Cina e Bangladesh) produce la metà del tè prodotto nel Paese, con quattro raccolti all’anno, anche se la maggior parte della produzione avviene tra aprile e ottobre.

Il Nilgiri (nel sud del paese) è la seconda regione produttrice di tè in India. Qui produciamo quasi esclusivamente tè CTC.

Michele Crippa

Direttore di Sala, Lucas Carton Parigi

Responsabile della sala di un ristorante parigino carico di storia come il "Lucas Carton", dove, insieme a Giovanni Curcio, lo Chef Sommelier, continua a portare avanti quello stile franco-italiano che tanto lo aveva affascinato a Londra, ma anche, e soprattutto, a cercare di trasmettere la sua passione alle nuove generazioni. Il progetto Chiccawine si sposa proprio co questo intento: promuovere, tramite le nuove tecnologie, le tecniche di sala e bar, portare la curiosità su prodotti tradizionali che meritano di essere messi sotto le luci dei riflettori e far conoscere gli uomini che dedicano la loro vita affinché tutto questo non scompaia.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Seguici – Suivez nous

Tag

CATEGORIE/catégories