Connect with us

Storie - Histories

Gibson cocktail: una cipollina fa tutta la differenza, ma chi ha avuto l’idea?

Michele Crippa

Published

on

La popolarità della serie “La regina degli scacchi” ci da la possibilità di parlare del cocktail che accompagna la protagonista in ogni torneo, il Gibson.
La differenza con il classico Martini è evidente, anche se minima, e consiste nel rimpiazzare la classica oliva in salamoia con una cipollina in agrodolce che apporta al cocktail una nota di umami; questo sottilissimo dettaglio ha, tuttavia, un elevato numero di spiegazioni, tutte possibili ma nessuna certa al 100%. Va, però, detto che la ricetta è pubblicata per la prima volta nel 1908 da William Boothbay; allora il Gibson era un Martini senza aromatic bitter.

La prima storia si svolge al Player’s Club di New York, dove il famoso artista Charles Dana Gibson, padre della Gibson girl, sfidò il barman a creare un cocktail migliore del Martini, e questi gli propose di sostituire semplicemente l’oliva con una cipollina.

Gibson girl
CC Atlanta Magpie

Una seconda possibilità ci porta sulla costa ovest degli Stati Uniti, più precisamente al Bohemian Club di San Francisco, locale in cui si serviva il Gibson già negli anni 1890. Una prova è il fatto che questo cocktail era citato in un saggio scritto dal proprietario del Club nel 1898.

Una terza leggenda racconta che un’uomo d’affari era solito chiedere al barman, durante dei pranzi di lavoro particolarmente importanti, un bicchiere a cocktail con dell’acqua, guarnito da una cipollina per differenzialo dai Martini dei suoi ospiti, in modo da mantenere la mente lucida.

CC SteveR-

Poco importa quale sia la verità, una cosa è sicura, per fare un buon Gibson i sapori apportati dalla cipollina sono fondamentali, perché allora non provare a farla da sé. Il cocktail che ne risulterà sarà migliore e sicuramente con delle caratteristiche uniche che i vostri amici, o clienti, non troveranno altrove.

Michele Crippa

Maître d’hôtel, Lucas Carton Parigi

Responsabile della sala di un ristorante parigino carico di storia come il "Lucas Carton", dove, insieme a Giovanni Curcio, lo Chef Sommelier, continua a portare avanti quello stile franco-italiano che tanto lo aveva affascinato a Londra, ma anche, e soprattutto, a cercare di trasmettere la sua passione alle nuove generazioni. Il progetto Chiccawine si sposa proprio co questo intento: promuovere, tramite le nuove tecnologie, le tecniche di sala e bar, portare la curiosità su prodotti tradizionali che meritano di essere messi sotto le luci dei riflettori e far conoscere gli uomini che dedicano la loro vita affinché tutto questo non scompaia.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Seguici – Suivez nous

Tag

CATEGORIE/catégories