Connect with us

Storie - Histories

Volnay, nel mezzo della Côte-d’Or. Accompagnati da Yann DUFOULEUR, scopriremo un giovanissimo vignaiolo: Maxime DUBUET-BOILLOT, produttore di poche migliaia di bottiglie.

Giovanni Curcio

Published

on

Dopo la mia video-chiamata con il dominio Prieur & Fils, mi sono seduto al computer per uno skype con Yann Dufouleur di Dyvin. Yann rappresenta la sedicesima generazione di viticoltori della famiglia Dufouleur a Nuit Saint Georges. Ambasciatore di una trentina di cantine a conduzione familiare nella Côte-d’Or, è anche un ottimo conoscitore degli appezzamenti della Borgogna e delle famiglie che li gestiscono. La sua conoscenza spazia dalla novità più sottile, al climat più evidente di questa fantastica regione. Yann è un signor viticoltore che conosce molto bene il vino, e in questo momento sta facendo tutto il possibile per aiutare i piccoli viticoltori a uscire dalla crisi. Ovviamente in Côte-d’Or le cose vanno un po’ meglio, perché con una produzione di vino ridicolmente piccola e una qualità eccellente, non è difficile trovare clienti. Dopo il nostro scambio, Yann mi ha scritto alcune righe sul produttore in questione: Maxime Dubuet-Boillot, i cui vini li ho assaggiato una sola volta (conservo un ottimo ricordo), ma ho promesso un appuntamento in vigna, molto presto. Ho sempre ammirato il lavoro svolto in questa regione, e soprattutto da una casa familiare così piccola e meticolosa.

Volnay Sur-Roches: l’eleganza dei Volnay. Dopo varie osservazioni di suoli e sottosuolo, questa località è stata vinificata separatamente. Questa cuvée di terreno Sur-Roches è stata prodotta  dalla tenuta dal 2016.

Piantato sopra le prime crescite di Volnay-Pitures e Pommard-Chanlins, il luogo chiamato Sur-Roches vanta un contatto diretto con un terreno roccioso che ne da il nome.

 Nelle vigne, di circa sessant’anni, che offrono un volume esiguo d’uva, hanno poco  terreno in cui prosperare. L’apparato radicale incontra un terreno di calcari molli e porosi molto poveri. Questo strato geologico molto specifico fornisce al terreno un buon livello di drenaggio oltre alla pendenza naturale della località. La quantità di acqua a disposizione delle radici è molto limitata, i tannini sono molto leggeri durante la fase di maturazione. La personalità di ogni vino prodotto è chiaramente definita. Questo vino riflette la finezza e l’eleganza del carattere di Volnay. A volte snello o più massiccio a seconda dell’annata. Rosso rubino, si presenta al naso con aromi di amarena, fragole, peonie e succo di pomodoro. Al palato offre un vino morbido dove la struttura tannica trasporta solo il vino su una bella lunghezza.

Volnay 1er Cru Carelle-Sous la Chapelle.

Questa è la quintessenza di Volnay. Alla fine del XIX secolo, la famiglia Boillot, un grande commerciante dell’epoca, possiede già un terreno in questa località situata a mezza costa sotto la cappella di Volnay, sulla strada, tra Pommard e Meursault, a cui Il luogo chiamato Carelle sous la Chapelle deve il suo nome, posizione e forma. Quest’ultimo si trova esattamente sotto La Chapelle de Volnay e i suoi confini descrivono una forma geometrica quadrata (Quarelle / Quadrus in latino).

Il terroir, l’essenza stessa di “La Carelle”, offre  un magnifico suolo  con cui lavorare. In semi pendenza, il terreno è costituito da una buona frazione di argilla bruna, marna e calcare tenero. Piantato allo stesso livello geologico del Volnay 1er Cru En Champans e del Taillepieds, il 60enne(si le vigne hanno in media sessant’anni) La Carelle si distingue come uno dei capi della denominazione Volnay 1er Cru.

Riflessione del terroir

Con questo terroir eccezionale, la tenuta produce senza dubbio il suo premier cru, il più fine ed elegante di tutti. Naso ricco di “acquavite di ciliegia”, frutta fresca e frutti di bosco. Rivela una sostanza armonica più o meno densa a seconda dell’annata. Il suo equilibrio è perfetto, giusto, tra i suoi tannini delicati e la sua esplosione di freschezza. Un vino completo che esprime tutta la complessità e il saper fare borgognone. Les Granges de Verbaut è una località in cui l’attività di famiglia, condotta fino al 1982, si trova a una ventina di chilometri da Beaune e Nuits-Saint-Georges.

Volge al termine la mia conversazione con Yann e sono felice, in quanto lui, quando parla di vino non si ferma mai! La scoperta di un giovane viticoltore mi rallegra molto e non vedo l’ora di fargli visita. Viva il vino, viva la Borgogna e viva Chiccawine!

Giovanni Curcio

Sommelier au restaurant Lucas Carton à Paris. Ses passions: le vin, la viticulture, les voyages dans les vignobles et la gèographie des vignes; ...ah oui, les cèpages!

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici – Suivez nous

Tag

CATEGORIE/catégories